Il conflitto genitoriale è un forte predittore di come i bambini si comporteranno dopo la separazione dei genitori. La capacità della mamma e papà di collaborare per una piena co-genitorialità senza esporre i figli al conflitto è fondamentale per la salute psichica dei bambini. Viceversa, i genitori che rimangono ostili gli uni verso gli altri e continuano a combattere apertamente possono aprire la strada ad un forte disagio dei loro figli.

Tutto chiaro e bello, ma come si può essere un genitore pacifico con l’ex compagno o compagna quando le ragioni stesse per cui si ha divorziato sono ancora così profonde e lui / lei continua ad agire come prima?

Vediamo cosa si può fare nella pratica

  1. Cerca un supporto per te stesso . La tua relazione con l’altro genitore dei tuoi figli è ora spostata in modo drammatico. La separazione molto spesso è dura da gestire a livello fisico ed emotivo. Fatti quindi aiutare da parenti, amici e anche da un professionista, uno psicoterapeuta ad esempio. Essere in grado di andare avanti con maggiore pace interiore può fare sicuramente bene e ne giovano sicuramente i figli: sottolinea Claudia de Masi Psicologa a Roma specializzata in terapia breve strategica.
  2. Se possibile, utilizzare un mediatore per elaborare e concordare un piano genitoriale. Fai tutto il possibile per evitare le battaglie in tribunale con l’altro genitore per l’affido dei tuoi figli. Questo tipo di contenzioso può spesso lasciare entrambi i genitori in uno stato di conflitto elevato che si riversa sui tuoi figli. Cerca un mediatore che senta veramente te e l’altro genitore e sia in grado di rimanere equilibrato, equo e concentrato sui migliori interessi dei tuoi figli. Spesso, le ostilità dei genitori possono offuscare il giudizio e può essere estremamente utile avere una terza parte neutrale che aiuti a stendere le divergenze di opinione.
  3. Cerca eventuali segni di angoscia o turbamento nei tuoi figli. Se stai pensando che tuo figlio stia bene nel bel mezzo della tua dinamica con il tuo ex, ma inizi a notare alcune differenze nel comportamento, emozione (compresa la mancanza di espressione emotiva), disturbi somatici che possono significare stress (es. mal di testa, mal di stomaco, difficoltà di sonno), o altri cambiamenti, potrebbe essere il momento di riesaminare il livello di tensione e conflitto. (La maggior parte dei bambini sarà angosciata mentre attraversano questo processo. Avranno alti e bassi, ma il loro disagio generale dovrebbe diminuire nel tempo. Se invece inizia a peggiorare progressivamente, allora è sicuramente qualcosa che dovrebbe essere esplorato .)
  4. Mantenere dei rapporti decenti quando si tratta della relazione con l’altro genitore dei propri figli. Mentre è fondamentale giungere ad un accordo sulle grandi cose, come la scuola e la salute, non è necessario essere d’accordo su tutte le piccole cose. Ognuno di voi avrà bisogno di spazio per il genitore, come meglio crede, senza l’ingerenza dell’altro. Ad esempio, potresti avere regole diverse sulle faccende di casa e sui compiti. Un genitore potrebbe volere che fossero tutti fatti nel fine settimana e l’altro potrebbe volere che lo facessero tutti i giorni dopo la scuola e nessuno nel fine settimana. Non è ne’ giusto o sbagliato. Sono semplicemente diversi punti di vista e ogni genitore ha il diritto di fare quello che ritiene opportuno.
  5. Rispettare gli spazi propri. Ricorda che tu e l’altro genitore dei vostri figli non state più insieme. Ciò significa bussare prima di entrare nel suo luogo di residenza, o rimanere in macchina se questo è ciò che ti viene chiesto, quando vai a prendere i tuoi figli . Ciò significa anche non bombardare i tuoi figli con domande sull’altro genitore. Ciò significa parlare con il tuo ex in assenza dei tuoi figli quando si tratta di problematiche che coinvolgono i figli.
  6. Dimostra il massimo rispetto verso l’altro genitore . Ciò significa usare un linguaggio rispettoso verso di lui, non parlare mai male dell’altro genitore ai tuoi figli. Rispettarlo è un modo per rispettare i tuoi figli non mettendoli in un conflitto di lealtà,non devono sentire il bisogno di schierarsi, scegliere tra te e l’altro genitore.
  7. Riconoscere i sentimenti irrisolti . Se provi ancora rabbia e odio verso l’altro genitore allora probabilmente hai del lavoro da fare per andare avanti davvero con la tua vita senza il tuo ex partner. La tua relazione intima è finita. È tempo di creare qualcosa che sia più simile a una partnership commerciale, in cui i tuoi figli e il loro benessere sono al centro dell’attenzione in ogni momento.

Un’ultima parola sul rimanere concentrati mentre lavori verso la co-genitorialità cooperativa: su base regolare, chiediti “Questo è buono per i miei figli?” Fai una pausa e pensaci davvero in questi termini.

Stefania Mongardi
Ho una laurea magistrale in Teoria dei linguaggi e sono appassionata di salute, benessere e sport sin dall’adolescenza. Per questo cerco sempre di tenermi aggiornata sulle ultime news di settore. Amo la musica – mia grande passione – le serie TV, le passeggiate all’aria aperta e…il buon cibo.